marzo 31, 2016

Ronnie in the Books with Diamonds: RBWD - Pane & Classici

Ronnie in the Books with Diamonds: RBWD - è una 'rubrica' a cadenza casuale che si incentrerà sulla pila infinita dei libri da leggere. Ogni appuntamento avrà come tema un genere diverso. 

Olààààà! Mi sembra passata un'eternità dall'ultimo post, ed è forse perché le mie giornate sono super impegnate tra università e congressi dell'università, o forse è anche perché i nostri orari sono completamente diversi e quindi sono costretta a pianificare i post. Ma comunque sono troppo felice di scrivervi in "tempo reale", se così si può chiamare... sono a Londra e mi sto rendendo sempre più conto che quando sto qui sono più tranquilla. Mi sento e SONO davvero a casa, è una situazione rassicurante ed accogliente.

Bando alle ciance, oggi vi parlerò di una cosa che affligge e perseguita ogni lettore: la lista dei miliardi, milioni, infiniti libri da leggere. Noi lettori, come ben sapete, compriamo libri a dismisura, senza controllarci, senza fermarci... e questo ci porta ad accumulare, accumulare, accumulare ed accumulare così tanti libri che sarebbe impossibile per noi finirli, anche se smettessimo di comprarne altri. Dico bene, vero? Siamo tutti in questa situazione compulsiva? Ditemi di sì, mi sento meno sola.

Molto tempo fa avevo organizzato questo smaltimento di massa e credevo che, facendo una lista di questi libri e leggendo solo questi libri, mi sarei definitivamente sbarazzata di questo "peso" enorme sulla coscienza... ma ovviamente chi meglio di noi sa che ciò è impossibile, disumano e impensabile? ... Ed ecco perché ho deciso di re-organizzare questo programma, chiamato Ronnie in the Books with Diamonds -tra l'altro la canzone dei Beatles mi piace così tanto che ho chiamato la mia nuova gatta, quella che ho a Boston, Lucy-, e di creare una rubrica apposta per tenervi aggiornati e per stilare la lista della lista dei libri da leggere. Sembra complicato ma non è. Parole chiavi: LIBRI - LISTA - LEGGERE - SMALTIRE.

Non so ancora bene come articolare questi tipi di post, perché non vorrei che fossero dei comuni e mortali 'wrap up', ma vorrei che ci fosse qualcosa di più e qualcosa di mio, soprattutto. Non credo di aver programmato una data di pubblicazione, ma lo farò spontaneamente ..ovvero quando mi va. E oggi mi va particolarmente! Specialmente perché sistemavo la mia libreria ed ho visto che ci sono così tanti classici che non ho letto e che invece avrei voluto e che leggerò sicuramente. Perciò oggi vi porto un appuntamento di questa rubrica e vi faccio vedere i piccolini che ho intenzione di leggere entro la fine di quest'anno. Potranno esserci modifiche fino al 31 dicembre 2016, aggiunte o rimozioni.. sempre per quanto riguarda i classici.

Avete quindi capito che saranno appuntamenti sporadici di 
una rubrica inventata da me che vuole includere tutti i libri da leggere, 
dividendo gli appuntamenti per genere e/o quello che mi viene in mente.

Ed eccoli qui i fantomatici classici di cui tutti vanno pazzi.

  • Il Maestro e Margherita, Michail Bulgakov - GR
    Il Diavolo è il più appariscente personaggio del grande romanzo postumo di Bulgakov. Appare un mattino dinanzi a due cittadini, uno dei quali sta enumerando le prove dell'esistenza di Dio. Il neovenuto non è di questo parere... Ma c'è ben altro: era anche presente al secondo interrogatorio di Gesù da parte di Ponzio Pilato e ne dà ampia relazione in un capitolo che è forse il più stupefacente del libro... Poco dopo, il demonio si esibisce al Teatro di varietà di fronte a un pubblico enorme... Un romanzo-poema, o se volete, uno show in cui intervengono moltissimi personaggi, un libro in cui un realismo quasi crudele si fonde o si mescola col più alto dei possibili temi: quello della Passione. 
    Ho già letto questo romanzo all'inizio di ottobre dell'anno scorso per l'università e quindi in inglese e quindi non ve l'ho recensito. Ma ho intenzione di rileggerlo in italiano e di recensirvelo con un'altra rubrica che ideerò per recensire appunto i romanzi di questo "progetto". Non vedo l'ora di portarvi tante novità.

    - - - - - - -
  • Il barone rampante, Italo Calvino, Gli antenati #2 - GR
    Un ragazzo sale su di un albero, si arrampica tra i rami, passa da una pianta all'altra, decide che non scenderà più. L'Autore di questo libro non ha fatto che sviluppare questa semplice immagine e portarla alle estreme conseguenze: il protagonista trascorre l'intera vita sugli alberi, una vita tutt'altro che monotona, anzi: piena d'avventure, e tutt'altro che eremita, però sempre mantenendo tra sé e i suoi simili questa minima ma invalicabile distanza. Ne è nato un libro ... che sfugge a ogni definizione precisa, così come il protagonista salta da un ramo di leccio a quello d'un carrubo e resta più inafferrabile d'un animale selvatico. Il vero modo d'accostarci a questo libro è quindi quello di considerarlo una specie di Alice nel Paese delle meraviglie o di Peter Pan o di Barone di Munchhausen, cioè di riconoscerne la filiazione da quei classici dell'umorismo poetico e fantastico. 

    Ho letto il primo romanzo della serie e mi ha conquistata. E anche se sono consapevole che questi tre romanzi della trilogia non c'entrino molto tra di loro, sono curiosa di leggere sempre di più dalla penna di quest'autore italiano super super premiato e super super acclamato.

    - - - - - - -
  • Note invernali su impressioni estive, Fiodor Dostoevskij - GR
    Queste note, pubblicate nel 1863, sono l'amaro resoconto del primo viaggio in occidente di Dostoevskij: colonia, Parigi, Londra, un'Italia visitata in fretta, nella quale si fa un gran parlare di Garibaldi. La borghesia europea occidentale e la sua cultura sono il principale richiamo per lo scrittore russo. Dostoevskij tornerà deluso: le grandi idee di cui si sono nutriti i suoi sogni hanno prodotto mediocrità e ingiustizia. Le metropoli e le nuove società sono prive del primo elemento necessario all'uomo: la libertà di coscienza. Il racconto del viaggio si trasforma così in un esperimento di "filosofia dell'Europa".Ho letto molti romanzi di quest'autore, così tanti da farlo diventare uno dei miei preferiti in assoluto ed il mio autore preferito russo. Quindi sto cercando di recuperare il più possibile. Insomma voglio solo leggere tutti i suoi libri, raccolte, o qualsiasi cosa abbia scritto.

    - - - - - - - 
  • Ulysses, James Joyce - GR
    L'Ulisse di Joyce è un'opera fondamentale del Novecento letterario europeo. Il romanzo rovescia il canone epico della tradizione, raccontando non il destino di un eroe, ma la giornata comune di un uomo moderno nelle sue peregrinazioni quotidiane. Un'odissea dentro la realtà di ogni giorno che sa aprire, per squarci e discese nell'abisso psichico dei personaggi, porte sulla verità di ogni uomo

    Letto molto, molto, molto, molto, troppo tempo fa. Non ricordo quasi niente, se non la storia a grandi linee ed ovviamente il finale... perché il finale di un romanzo non si dimentica mai, è la parte più dolorosa, il cordone ombelicale che si stacca.
    Va be' devo leggerlo per ricordarmelo, non posso non ricordare un classico così.

    - - - - - - -
  • Wuthering Heights, Emily Bronte - GR
    Per Heathcliff e Catherine la gioia più grande è fuggire nella brughiera e restarci tutto il giorno. Sono spiriti liberi, selvaggi, ribelli. A loro non importa delle convenzioni sociali, di cosa pensano gli altri nel vedere insieme lui, semplice stalliere, e lei, ragazza di buona famiglia. Si piacciono, si amano. Almeno fino a quando non entra in scena Edgar: bello, ricco e raffinato. E' così che il cuore di Catherine si spacca: da un lato la passione divorante per Heathcliff, sua anima gemella; dall'altro l'attrazione per Edgar e le lusinghe di una vita aristocratica. Una storia senza tempo, il racconto di un amore tormentato e di un legame fortissimo, indistruttibile, così potente da sconfiggere la morte.

    IL. MIO. LIBRO. PREFERITO. DI SEMPRE.
    Aprile è suo mese. Ogni anno, ogni aprile, dalla prima volta che l'ho letto, lo rileggo e non sono mai stanca di farlo. E' sempre un piacere, un onore, poter rileggere il mio romanzo preferito di sempre.
    - - - - - - -
  • Mrs Dalloway, Virginia Woolf - GR
    Un mercoledì di metà giugno del 1923, Clarissa Dalloway, moglie di un deputato conservatore alla Camera dei Lords, esce per comprare dei fiori per la festa, che la sera riunirà nella sua casa una variopinta galleria di personaggi. Tra gli altri: Peter Walsh, l'amante respinto, appena tornato dall'India, e l'amica tanto amata, più di ogni uomo, Sally Seton. Per le strade di Londra passeggia anche Septimus Warren Smith, il deuteragonista del romanzo. Nulla sembra legare i due, se non la città di Londra. Clarissa ha cinquant'anni, è ricca. Septimus ne ha appena trenta, è povero e traumatizzato dall'esperienza feroce e violenta della guerra, in cui ha perduto non solo l'amico Evans, ma ogni pace. Eppure i due, senza mai incontrarsi, semplicemente sfiorando gli stessi luoghi, comunicano. Con sapienza straordinaria Virginia Woolf, giunta con questo al suo quarto romanzo, tesse il filo sottile di corrispondenze, echi, emozioni che creano un'opera di grande intensità. Dove un uomo e una donna sconosciuti l'uno all'altra sono accomunati dallo stesso amore e terrore della vita, che li porterà, nell'accettazione (femminile) o nel rifiuto (maschile), ad affermarne comunque l'inestimabile valore.

    Idem che per Ulysses. Letto tempo fa, ma ho voglia di rileggerlo.

    - - - - - - -
  • Tess dei D'Urbervilles, Thomas Hardy - GR
    Una storia d'amore e morte fiorita nella magica atmosfera della brughiera inglese ora dolce, ora crudele. Le vicende di un'eroina purissima travolta dalle forze del male e del destino.

    Devo ammettere che mi vergogno moltissimo per non aver mai letto questo romanzo. Tutti i miei amici-amanti-dei-classici mi hanno sempre presa in giro, ma io, non si sa perché, non l'ho mai letto da allora. Pensate che il mio migliore amico Haz me lo ha regalato per natale e per l'esasperazione. Credo sia giunta la sua ora. E anche l'ora della fine della mia ignoranza.

    - - - - - - -
  • Persuasion, Jane Austen - GR
    "Persuasione" racconta la contrastata storia d'amore tra due giovani, l'aristocratica Anne e il borghese Frederik, il cui sentimento riesce a superare la differenza di classe sociale e un distacco lungo sette anni. Scritto con un senso di malinconia e tenerezza del tutto insolito per la Austen, "Persuasione" è profondamente influenzato dalla sensibilità romantica della storia e della natura che si andava affermando in Inghilterra.

    Li ho letti tutti, uno per uno, tranne questo. Shame on me, come per il romanzo di sopra. Mi vergogno anche a stare qui e dirvelo. Col mio grande amore per i classici me ne sono persi un sacco e questi sono quelli più importanti, se vogliamo. Migliorerò, promesso.

    - - - - - - -
  • Silas Marner, George Eliot - GR
    La bella storia di Silas Marner (Silas Marner, the Weaver of Raveloe, il tessitore di Raveloe), più che un vero romanzo può considerarsi una lunga novella. Al centro della vicenda è la figura di Silas. metodista convinto ed entusiasta che le circostanze inducono a perder fede nella provvidenza. Ma egli non è uomo capace di vivere senza qualcosa in cui credere, a cui dedicarsi completamente, ed ecco subentrare in luogo della fede religiosa e dell'idillico affetto per la fidanzata, una passione quanto mai terrena e pericolosa, l'amore per il denaro, l'oro con cui la gente di Raveloe lo paga per il suo lavoro di tessitore. Il giorno, però, in cui anche l'oggetto di questo suo attaccamento vien meno - il denaro gli è rubato - la ragione sembra vacillargli. Ma sulla sua strada deserta ritorna la speranza: Eppie, una piccola trovatella, assume nella vita del tessitore un'importanza ben superiore a quella del denaro perso.

    Ennesimo mio fallimento. Vi spiego. Questo avevo iniziato a leggerlo in un periodo non tanto sereno e bello della mia vita.. e potete già capire la fine che fa fatto. E da quel momento continua a prendere la muffa. Ho dovuto spolverarlo. Che scandalo....... non criticatemi, please!

    - - -

Ed ecco tutto, ragazzi. Questi sono i romanzi che ho voglia di leggere o rileggere, a seconda dei casi. Ditemi un po' se voi li avete letti e se vi sono piaciuti o meno. E se non li avete letti ditemelo lo stesso, così magari ci organizziamo e li leggiamo tutti insieme :P

Nessun commento:

Posta un commento

Mi fa piacere leggere i vostri pensieri, let the freedom free!