febbraio 15, 2015

RECENSIONE: Ladri di sogni, M. Stiefvater

Che Dio benedica la pianificazione per i post su blogger.
Buongiorno! Vi direi di lasciar perdere quella scritta lassù, perché non avrei dovuta metterla, ma ormai l'ho fatto: sapete che scrivo di sera e che pubblico di mattina ..ma non sto qui a parlarvi di questa cosa stupida e poco interessante. Anzi vi parlerò di una cosa eccitante e super entusiasmante, quest'oggi. State ben focalizzati, perché vi sto per immergere nei miei pensieri più profondi su una delle autrici migliori di questi tempi. Scusate per la lunghezza della recensione e se non vi ho detto molto sulla trama di questo romanzo, ma quando qualcosa mi piace non riesco a spiegarla bene. Sta a voi leggerlo. Dovete. Assolutamente. E' un ordine.

Autore: Maggie Stiefvater

Titolo: Ladri di sogni

Serie: Raven Cycle #2

Editore: Rizzoli

Trama: La magica linea di prateria è stata risvegliata e la sua energia affiora. I ragazzi corvo, un gruppo di studenti della scintillante Aglionby Academy, sono sulle tracce del mitico re gallese Glendower, che dovrebbe essere nascosto nelle colline intorno alla scuola. Con loro c’è Blue, che vive in una famiglia di veggenti tutta al femminile. A lei è stato predetto più volte che quando bacerà il ragazzo di cui sarà davvero innamorata, questi morirà. Sulle prime sembra che il suo cuore batta per Adam, ma forse è Gansey quello che ama davvero… Intanto Ronan s’inoltra nei suoi sogni, da cui può uscire di tutto. Del resto è uno che ama sfidare il pericolo. Mentre il tormentato Adam, con un passato pesante alle spalle, s’inoltra sempre più in se stesso, cercando una sua strada nella vita. Nel frattempo c’è un individuo sinistro che è anche lui sulle tracce di Glendower. Un uomo pronto a tutto.

5 out 5 cookies

R e c e n s i o n e 

Addormentarsi è come cadere. Sei sveglio e poi chuidi gli occhi e i pensieri sono pesanti e 
irrompe la lucidità ma, alla fine, barcolli sull'orlo del torpore e cadi.

La storia è ferma al punto dove l'avevamo interrotta. Siamo a Henrietta in Virginia in compagnia di un gruppo di cinque ragazzi complessi e stravaganti alle prese con una ricerca intensa e paranormale.
C'è Richard Campbell Gansey III  un ragazzo ricco e affascinante che ha travolto con la sua ossessione per Glendower, il mitico re gallese che spera di trovare. Gansey comprende mille versioni di Gansey: la versione vecchia col volto giovane, la versione sfacciata, la versione dolce, la versione protettiva, la versione con la voce profonda, la versione di un ragazzino con la saggezza di un adulto.

Quella versione di Gansey era il Gansey ragazzo. Era il Gansey che aveva comprato la Camaro, il Gansey che aveva chiesto a Ronan di insegnargli a lottare, il Gansey che conteneva ogni scintilla selvaggia in modo che non si notasse nelle sue altre versioni. [..] Tutto ciò che importava era che qualcosa aveva acceso il fiammifero, e Gansey stava bruciando.

Ronan Lynch è il fedele amico di Gansey che vive con lui alla Monmouth Manufacturing -un edificio sporco, pieno di cianfrusaglie, la casa di Gansey. Ronan è un ragazzo che ha sopportato la morte del padre e tutto ciò che quest'evento ha comportato; un ragazzo con un tatuaggio di un serpente sulla sua schiena; un ragazzo con un corvo di nome Motosega, rubato dai suoi sogni terrificanti.

Non si poteva negare che Gansey fosse un magnifico ritratto della giovinezza, il prodotto ben curato di una coppia fortunata e abbiente. Di solito, però, era così raffinato da essere sopportabile, perché chiaramente non era della stessa specie pragmatica e grezza di Ronan.

Adam è il pezzente e triste amico di Gansey con tre lavori, una stanza nella chiesa di St Agnes e una 'cotta' per una ragazza con una maledizione. Adam è stato l'artefice delle disfunzioni che si sono verificate a Henrietta, l'artefice delle preoccupazioni di Gansey, e il nemico di se stesso. 

Quello era il Gansey con il nobile scatto del mente, un accenno di superiorità nella bocca. Un Gansey consapevole che, qualunque cosa fosse successa lì quella notte, sarebbe tornato alla Monmouth Manufacturing e avrebbe continuato a regnare sul suo particolare angolo di mondo.

Noah Czerny è l'anonimo amico di Gansey. Quello che non parla mai, quello con la camera in ordine, quello che adora giocare con i capelli di Blue, quello che non si trova mai, quello che compare dal nulla. E' il più vicino a Glendower, anche se Noah, Glendower non lo conosce affatto.

Blue Sargent è l'unica ragazza del gruppo. Figlia di una veggente, lei ha solo il potere di ampliare l'energia a chi invece lo è. Vive in una casa di sole donne e non ha il permesso di baciare nessuno, perché il "fortunato" morirà.
Blue è stramba proprio come Gansey, povera come Adam, aggressiva come Ronan, sensibile come Noah.

Gansey si dimenticò totalmente che stavano tentando di non farsi sentire e, scoppiò in una risata fragorosa. Era potente, quella risata. Rise una volta sola, ma i suoi occhi ne conservarono il ricordo. Oh no! pensò lei. Poi si calmò. Richard C. Gansey III ha una bella bocca. Ora so che ha dei begli occhi quando ride. Non è comunque amore.

Ognuno di loro ha a che fare con il re gallese, ma nessuno di loro riesce a trovarlo veramente. Ognuno di loro deve combattere con qualcosa o qualcuno al di fuori del loro mondo. Ognuno di loro deve fare delle scelte che li porteranno a quel fatidico futuro che tanto aspettano.

La storia ha preso una piega totalmente diversa dallo scorso libro. Ovviamente tutto gira attorno alla ricerca di Glendower, ma non nel modo in cui si usava fare nel primo romanzo della serie. Qui la storia è "divisa a pezzi": ci sono dei pezzi che riguardano Adam, altri che riguardano Blue e altri ancora che riguardano Ronan. Tutti hanno un ruolo importante, anche se non così importante come quello di Gansey.

Ho trovato quel personaggio il migliore di tutti, in questo romanzo. Nel primo non riuscivo a capirlo a fondo, ed ero troppo concentrata sulla storia, ma questa volta l'autrice ci ha fornito di 517 pagine per analizzarlo bene. E' uno di quei personaggi che non si dimenticano, quelli così belli dentro e ricchi di sensazioni che non puoi scordare, e che fanno apparire tutta la storia sotto una luce più luminosa ed interessante.

Maggie Stiefvater è sempre abilissima nel raccontarci le storie e nel farci amare i personaggi nel suo stile poetico e molto fluido. Adoro quest'autrice proprio perché ha uno stile davvero unico, di cui è difficile non innamorarsi, ed ha una creatività immensa. Il mondo di questa serie è tra uno dei più interessanti e intrecciati che io conosca, ma proprio per questo voglio saperne sempre di più.
- - - - - - - - -

Raven Cycle series :
#1 The Raven Boys (Raven Boys, 2013)
#2 The Dream Thieves (Ladri di sogni, 2014)
#3 Blue Lily, Lily Blue (non uscito in Italia)
#4 The Raven King (inedito in tutto il mondo)

[ Se non avessi così tanti acquisti da recuperare, credo proprio che ora starei già fuori casa, avrei già preso la macchina e sarei già andata a Waterstones. Blue Lily, Lily Blue dev'essere mio ..per vari motivi: 1. IO CHE NON VIVO PIU' DI UN'ORA SENZA TE (Gansey I completely love you); 2. DATEMI IL ROMANZO E NESSUNO SI FARA' NIENTE; 3. Devo capire il significato del titolo, perché ogni libro della Stiefvater, specialmente in questa serie, ha un significato ..non devo essere la solita schiappa. Aiutatemi a capirlo! PLEASE! ]

8 commenti:

  1. Quanto ti capisco! Lo sto leggendo anch'io in questo momento *^* mi mancano un paio di capitoli per finirlo..ma non voglio finirlo çwç io in particolare adoro Ronan, ma non riesco a non adorare anche Gansey, Noah (cucciolo lui *-*) e Adam (e sì, anche lui!).
    La Stiefvater è fantastica, voglio leggere TUTTO, TUTTO di questa autrice. Ho già letto Shiver, La corsa delle onde (MERAVIGLIA) e Raven Boys (naturalmente, lol). Non so come riuscirò ad aspettare la pubblicazione del terzo volume ç_ç avevo pensato di leggerlo in lingua ma (a) non ne sono molto capace, (b) anche se ci provassi non so quanto riuscirei ad aspettare per l'uscita del quarto :c

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io adoro tantissimo quest'autrice, è formidabile! adoro il suo stile; adoro la sua fantasia e soprattutto i suoi personaggi! Gansey è il mio preferito in assoluto <3

      io penso che leggerò Blue Lily, Lily Blue in lingua. I can't wait ! :)

      Elimina
  2. Adoro troppo Gansey *^* è uno dei miei personaggi preferiti di tutti i tempi! Se Maggie me lo fa fuori muoro Y.Y
    Detto questo, non vedo l'ora di leggere il terzo libro dopo che questo è finito a quel modo D:

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ho letto dei tweets della Stiefvater dove dice che ci ha promesso di uccidere Gansey nel primo libro e non può non farlo; dice che noi siamo curiosi di sapere come morirà! NON SONO CURIOSA. IO NON VOGLIO SAPERE COME MORIRÀ, NON VOGLIO CHE MUOIA :(
      Gansey è il migliore tra i raven boys, ma anche tra tutti i personaggi di sempre *-*

      Elimina
  3. Accidenti che bel blog... Nuova lettrice aggiunta :)
    Ladri di Sogni è nella mia WL già da un po'. Adesso sono ancora più motivata a leggerlo:)

    RispondiElimina
  4. Ciao Veronica! Sai che Raven Boys è uno dei pochi libri che non sono riuscita a finire? L'avevo comprato per un GDL organizzato da Reading is believing , ma purtroppo non sono riuscita a portarlo a termine. Però è bello leggere recensioni così accurate e scritte con trasporto, perchè mi vine voglia di dare una seconda possibilità ad autori che magari mi hanno deluso!!
    Buona giornata
    Salvia

    RispondiElimina
  5. okay dopo la recensione ad Anna ho deciso di seguirti, dopo questa ti porto oro incenso e mirra :D Ladri di sogni è un libro notevolissimo, originale e per certo versi perfetto. Capisco perché ti piaccia Gansey, anche a me piaceva un sacco, ma la vera epifania di ladri di sogni è stata Adam. Adam coi capelli color terra, stropicciato e frustrato e rifiutato. mai letto nulla di simile...

    RispondiElimina
  6. Ciao,
    ma solo a me questa storia sembrava piena di pagine scritte solo per occupare spazio, piene di aria fritta inutile e in cui non succedeva letteralmente niente (a parte gli approfondimenti psicologici: quelli sono splendidi)? Cioè, alcuni passaggi potevano essere tolti secondo me... Se ti interessa sapere cosa ne penso ci ho scritto un post sul mio blog in cui, appunto, esprimo questa mia piccola delusione di contorno a questo libro che comunque mi è piaciuto un sacco :3
    >> http://raggywords.blogspot.it/2015/05/recensione-ladri-di-sogni-raven-boys-2.html
    Mi scuso per l'eventuale spam indesiderato,
    ciao!
    Rainy

    RispondiElimina

Mi fa piacere leggere i vostri pensieri, let the freedom free!