agosto 03, 2013

THOUGHTS: Cuore Meccanico, M. Locatelli

Buongiorno e buon Sabato! Il "buongiorno" sarebbe più una buona notte visto che ho scritto questo post all'una di notte -ora locale inglese- e "buon Sabato" mi sembrava carino dato che amo questo giorno più degli altri, perfino più del Venerdi. Ed è tanto. Giurin giurello.
Comunque vi ho scritto così tardi ed ho programmato questo post -CHE DIO BENEDICA LA PIANIFICAZIONE, YEAY!- perché non appena ho finito di leggere questo raccontino su Gus, il mio piccolo Kindle tutto nero e un po' solo, avevo voglia di parlarvene. Non dico più niente perché già non è una recensione, dato il poco spessore di questo racconto, appunto r a c c o n t o, quindi parto. Parto in quinta, accellero e via!

Editore: Auto-pubblicato

Autore: Marco Locatelli

Titolo: Cuore Meccanico

Formato ebook: .epub, .mobi, .pdf

Download for free if you pay with a Tweet!



T h o u g h t s

Sono una sottospecie d'amica dell'autore, o comunque una persona con cui Marco fa fingirl sulla Stiefvater, i suoi personaggi, le sue storie, eccetera eccetera. Ero curiosa di leggere qualcosa di suo perché è una persona che legge tanto e che comunque ogni scrittore ha potuto lasciargli un'impronta del suo genere che Marco ha racchiuso nel suo bagaglio stilistico. E' ovvio che è così: leggendo il suo piccolo raccontino se ne ha la prova. 

Non ho idea di quante pagine siano, perciò è un po' difficile spiegarvi un po' di ciò che parla questo racconto. Ci sono un organico ed un meccanico che dapprima vivono insieme normalmente e poi dopo un po' diventano dei complici, una coppia di lavoratori che si nutre ognuno della felicità dell'altro

"Perché non siamo tanto diversi," avevi risposto alla mia domanda, quel giorno. "I meccanici si arrugginiscono, gli organici marciscono."

L'organico sistema il robot ogni giorni, gli olia il cuore ogni giorno su un lettino in modo tenero. Il meccanico lo aiuta, lo consola ed impara a volergli bene. Convivono insieme come due amici che hanno vissuto una vita intera insieme e ne hanno passate di tutti i colori, sono felici ed hanno il cuore scaldato. 


Un giorno vengono divisi da una nuova legge che non riescono ad accettare. Quel giorno è pieno di dolori, di lacrime, di urla e di addii, ma è anche dolce e sinonimo d'unione. Perché ovunque essi vadano si ricorderanno sempre l'uno dell'altro. Si ricorderanno che né l'organico né il meccanico voleva lasciare l'amore. 

Tu avevi l'ambulatorio, il tuo appartamento, la tv via cavo e il frigorifero. Io avevo solo te, ma non avrei rischiato di toglierti tutto solo per averti. Avrei preferito andarmene per lasciarti vivere.

Sono assolutamente contenta di questo piccolo racconto che mi ha scaldato il cuore questa notte. Sono assolutamente contenta di averlo letto, di essermi fidata di Marco. Sono assolutamente contenta che mi sia piaciuto. Ci speravo tantissimo, ma in fin dei conti non avevo dubbi, perché in cuor mio sapevo mi sarebbe piaciuto.

Nello stile di Marco c'è la dolcezza della Dea delle Autrici, c'è la semplicità di uno libro che vuole puntare in alto e c'è l'amore della vita di ognuno di noi. Nonostante siano solamente dieci "sfogliate di Kindle" -nel mio gergo sarebbero dieci pagine di ebook, più o meno. non so spiegarlo-, mi ha saputo intrattenere ed ho colto a pieno ciò che Marco voleva farci arrivare.

Lui scrive per coinvolgerci nel processo di scrittura, lo dice lui stesso, e ci riesce a pieno. S'impegna e da tutto se stesso. Si nota ed è impossibile che non risalti agli occhi.

Grazie per l'amore, Marco. 

7 commenti:

  1. Oddio :')
    Grazie a te per aver dato fiducia a questa mia creazione e per averla letta. Può sembrare poco, ma non lo è.
    Mi fa davvero piacere ti sia piaciuto e mi fa ancora piacere il fatto che tu abbia voluto dedicargli del tempo e dello spazio anche qui sul tuo blog. Essendo che come racconto ha avuto una genesi parecchio intima e particolare, sono sorpreso ogni volta che lo vedo avanzare da solo e farsi spazio online.
    Marco ringrazia Veronica, Gus (<3), e chi si prenderà del tempo a leggere questo post. È importante. Grazie :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si fa spazio online da solo senza che tu faccia più niente perché merita di essere letto e merita che la gente lo conosca, questo piccolo raccontino che ti apre il cuore. Ecco perché ne ho parlato e ti ho elogiato, mi è piaciuto parecchio e tutti DEVONO sapere cos'è, com'è e di chi è.
      Ronnie&Gus ti mandano un ♥, don't cry and be happy. You deserve this.

      Elimina
  2. Risposte
    1. Lieta di averti interessata, è un piacere :)

      Elimina
  3. Ma che pucciosità.
    Lo leggerò sicuramente (che poi il mio sicuramente vuol dire "entro il compimento dei 99 anni").

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah, (non riesco a modificare l'altro), anche tu hai dato un nome al tuo kindle? non sono l'unica?.
      cacchio, mi sento meno sola al mondo.
      Johnny saluta Gus. <3

      Elimina
    2. Sono dieci sfogliate di Kindle (Gus ricambia il salutino con taaaaaaaaaaanto affetto), ci vogliono venti minuti a leggerlo ma giuro che sono i migliori venti minuti della tua vita. Provalo e se non è così inseguimi pure, Jen :*

      Elimina

Mi fa piacere leggere i vostri pensieri, let the freedom free!