febbraio 13, 2013

The Giver Quartet di Lois Lowry

Jo/Janeisa di Reading at Five o'Clock, mia amica e ragazza dolcissima, ha realizzato questo banner per me.
Io lo trovo davvero awesome.. e voi? Spero vi piaccia, bellini 
Salve Viaggia-Lettori!
Ero così di buon umore ieri mattina che avevo intenzione di fare un sacco di cose sul blog e recensirvi anche un romanzo che mi è piaciuto così tanto che se ci penso mi metto a piangere come Charlie, di The Perks of Being a Wallflower, senza smetterla più. (è un romanzo che mi sta piacendo tanto, questo qui, e quando succede arrivo a parlarne fino all'esaurimento di Hazel, il mio amico).
Ma poi è andata via la corrente ed è tornata solo oggi e mi sono messa subito al lavoro con questa specie di excursus letterario sulla quadrologia The Giver pubblicata dalla casa editrice Giunti che l'ha, giustamente, elogiata un sacco.


The Giver, Gathering Blue, Messenger, Son di Lois Lowry


Autore: Lois Lowry

Titolo: The Giver. Il donatore

Editore: Giunti (Y)
Pubblicazione: 2009, Marzo 16

Serie: THE GIVER #1

Genere: distopico, di formazione

Jonas ha dodici anni e vive in un mondo perfetto. Nella sua Comunità non esistono più guerre, differenze sociali o sofferenze. Tutto quello che può causare dolore o disturbo è stato abolito, compresi gli impulsi sessuali, le stagioni e i colori. Le regole da rispettare sono ferree ma tutti i membri della Comunità si adeguano al modello di controllo governativo che non lascia spazio a scelte o profondità emotive, ma neppure a incertezze o rischi. Ogni unità familiare è formata da un uomo e una donna a cui vengono assegnati un figlio maschio e una femmina. Ogni membro della Comunità svolge la professione che gli viene affidata dal Consiglio degli Anziani nella Cerimonia annuale di dicembre. E per Jonas quel momento sta arrivando...

Autore: Lois Lowry

Titolo: La rivincita. Gathering Blue

Editore: Giunti (Y)
Pubblicazione: 2010, Marzo 1

Serie: THE GIVER #2

Genere: distopico, di formazione

Ambientato in una comunità del prossimo futuro al pari di The Giver, in un villaggio dove ognuno pensa solo a se stesso e le persone con malattie o problemi fisici sono considerate inutili per la comunità e vengono lasciate morire, una ragazzina zoppa lotterà per conquistarsi il diritto di vivere. Ma, riuscendo a ricavarsi un posto all'interno di quella società, si renderà poi conto di come sia profondamente sbagliata e di quanto sia necessario cambiarla. Rifiuterà quindi l'occasione che a un certo punto le verrà offerta di scappare, e deciderà di fermarsi per iniziare a cambiare le cose dall'interno.

Autore: Lois Lowry

Titolo: Il messaggero

Editore: Giunti (Y)
Pubblicazione: 2012, Febbraio 8

Serie: THE GIVER #3

Genere: distopico, di formazione

Quando Matty è arrivato al Villaggio sei anni prima era un ragazzino inquieto e ribelle che amava definirsi "la Belva fra le Belve". Ora è cresciuto sotto la guida del cieco Veggente ed è pronto per l'assegnazione del suo vero nome: "Messaggero". Ma qualcosa nel Villaggio sta cambiando: da quando al mercato si barattano i sentimenti con effimeri beni materiali, la comunità è diventata improvvisamente ottusa e caparbia. La società utopica che un tempo amava accogliere tutti i rifugiati e i derelitti sta innalzando un muro di isolamento. Matty è uno dei pochi capaci di districarsi nel fitto della Foresta e il suo compito ora è quello di portare il messaggio del drastico cambiamento ai paesi vicini e convincere Kira, la figlia del veggente, a tornare con lui al Villaggio, prima che sia troppo tardi. Ma la Foresta, che gli è sempre stata amica, si è rivoltata contro di lui, animata da una forza oscura e senziente, e Matty si trova a fronteggiare il pericolo armato solo di un nuovo potere che ancora non riesce completamente a gestire e a comprendere.

Autore: Lois Lowry

Titolo: Il figlio

Editore: Giunti (Y)
Pubblicazione: 2013, Febbraio 13

Serie: THE GIVER #4

Genere: distopico, di formazione

Questa è la storia di Claire, ma anche di Jonas, Matty, Kira e di molti altri personaggi dell'inquietante realtà distopica inventata dall'autrice. Siamo al Villaggio, Claire ha solo 14 anni e ha ricevuto il ruolo di "Birthmother": dopo l'inseminazione artificiale diventerà un "contenitore" e partorirà il suo "prodotto". Nessuno le ha spiegato quanto sarà doloroso, nessuno l'ha avvertita che dovrà portare una benda che le impedirà di vedere suo figlio. Ma il parto di Claire è tutt'altro che semplice: subisce il primo cesareo di tutta la comunità. Per un'imprudenza dell'infermiera viene a sapere che il figlio, il numero 36, sta bene. A causa delle complicazioni, però, Claire viene "decertificata", dichiarata non adatta a essere una Birthmother e assegnata alla piscicoltura. La ragazza, sconvolta da un'atroce sensazione di perdita, ha ormai un unico scopo: ritrovare suo figlio. L'arrivo al vivaio della nave dei rifornimenti, giunta da un luogo sconosciuto chiamato "mare" con la sua strana ciurma, potrebbe essere il suo mezzo di fuga, quando rapirà il bambino...

Tanto per precisare, io non ho letto la quadrologia, eccezion fatta per l'ultimo. Avrei voluto leggere tutti gli altri tre libri perché ai miei amici sono piaciuti un sacco non solo perché la Lowry è un'autrice favolosa, come ho potuto notare da me, ma è capace di creare dei personaggi, ma soprattutto dei pensieri che fanno riflettere grazie alle tematiche che solitamente affronta molto forti e intense. Lois Lowry ha una capacità narrativa eccellente, stimolante e davvero impressionante, che riesce a farci rendere partecipi immediatamente dei suoi mondi utopici e strani, ma in modo accattivante. Ed io sono un'amante dei distopici e mi piace persino leggere delle emozioni, provarle e condividerle con gli altri (che è la parte che più mi piace). Mi piace questo genere letterario perché, come ho detto svariate volte, mi fa riflettere in modo costruttivo e profondo sul mondo in cui vivo e su come i personaggi del romanzo lo ricordano in modo malinconico e su come noi lo disprezziamo.
Credo che, e l'ho anche provato leggendo Il figlio, non bisogna per forza leggere tutti e quattro i romanzi per comprendere la storia perché è come se fossero un po' indipendenti l'uno dall'altro.. ma il mio amico Hazel mi ha detto che, avendo letto tutti e quattro i romanzi, la differenza si sente prché è come se con l'ultimo romanzo vi sentiste soddisfatti e completi.
Comunque oggi esce nelle librerie italiane l'ultimo romanzo della quadrologia e penso che sia un buon motivo per a) comprarlo e divorarlo immediatamente per concludere una serie; b) iniziare la serie dato che, da ciò che sento, molti di voi a volti attendono la pubblicazione completa per cominciare una saga.
Il più presto possibile arriverà la recensione di Il figlio, ultimo romanzo, e sono così eccitata al pensiero. Mi è piaciuto un sacco, l'ho adorato immensamente e voglio farvi sapere subito cosa ne penso in ogni dettaglio!

11 commenti:

  1. Sono molto curiosa di leggere la tua recensione!!:) Dovrò recuperare questa saga...è da tanto che voglio leggerla, ma con tutti i libri in attesa e tutti quelli che dovrei comprare, non mi sono mai decisa!! Ora che è uscito l'ultimo vedrò di leggerli!!^^

    RispondiElimina
  2. Jo è fantastica e questi banner sono magnifici. *-* L'abbiamo messa a dura prova, poverina! :3

    Oh, questa serie mi sta piacendo proprio tanto tanto tanto e non vedo l'ora di poter leggere la tua recensione in super-anteprima! Sono contenta che ti sia piaciuto e ti consiglio di leggere presto anche gli altri. ^_^

    RispondiElimina
  3. Bravissima *O* Ottimo Speciale <3!! Sono dei libri ma sono dei piccoli tesori non c'è che dire!!! E pensare che The Giver è uscito vent'anni fa ma è assolutamente attuale!!!

    <3 E comunque tutti questi complimenti mi fanno arrossire *rossa*

    RispondiElimina
  4. Bello speciale;-) I ho letto la trilogia ed attendo il seguito in biblioteca (mi rompe comprare solo l'ultimo, avendo letto la trilogia in biblio!) e devo dire che è fenomenale! L'autrice è mitica e con poche parole ti entra dentro e ti fa riflettere da matti

    RispondiElimina
  5. devo leggere assolutamente il figlioooooo..non vedo l'ora anche io di averla completa:)

    RispondiElimina
  6. Io ho letto il primo e in occasione dell'uscita dell'ultimo devo darmi una mossa a leggere gli altri due :)

    RispondiElimina
  7. La Giunti Y ha una marea di libri bellissimi!

    RispondiElimina
  8. Adesso finalmente posso prendermi la quadrilogia completa e leggerla tutta in una volta ^_^

    RispondiElimina
  9. Intanto rinnovo i complimenti a Jo per il bellissimo banner! :)
    Poi, ti consiglio anch'io di recuperare gli altri volumi della quadrilogia... io ho letto i primi due e mi son piaciuti tanto! Ora sto leggendo il terzo e già non vedo l'ora di avere il quarto tra le mani!!!

    RispondiElimina
  10. Ho letto i primi tre libri e li ho amati tutti quanti! *-* Fantastici! Non vedo l'ora di leggere "Il Figlio" per vedere come si concluderà! :D
    A presto!

    RispondiElimina
  11. Ho letto solo il primo, mi consigli il resto? ^^
    Ti lascio il mio blog, se ti va di unirti :) http://smell-ofbooks.blogspot.it/

    RispondiElimina

Mi fa piacere leggere i vostri pensieri, let the freedom free!