gennaio 06, 2013

Recensione: Macbeth

Credo che ormai, per coloro che seguono questo blog e quello che ci scrivo, sia chiara la passione per William Shakespeare. 
Ho letto tutti i suoi scritti e i suoi sonetti, l'ho amato a ogni lettura sempre di più e l'ho elogiato a ogni persona che mi ha chiesto parere su di lui.

Autore: William Shakespeare

Titolo: Macbeth

Editore: Oxford School Shakespeare

Pubblicazione orig.: 1605-1608

Genere: tragedia

Rating: ★★★★★

Recensione

William Shakespeare è stato uno dei primi uomini che mi ha fato perdere la testa, per così dire, con i suoi personaggi e i suoi argomenti.
Il drammaturgo per eccellenza, lo chiama mio padre, il poeta più rappresentativo.
Sono parole d'oro e, credetemi, Shakespeare se le merita tutte.
Mi fa innamorare con gli uomini di cui parla, mi rende più coraggiosa e delicata attraverso le sue donne - immaginarie - d'epoca. Mi fa capire, fino in fondo, l'animo umano e i suoi mille difetti che lo compongono e lo delineano.
In "Romeo e Giulietta" prevalevano l'amore e l'opposizione, in "Amleto" la ricerca di se stessi e la lotta tra il male e il bene, ne "Il Mercante di Venezia" l'uguaglianza e la giustizia. In "Macbeth" i sentimenti che si fanno sentire a gran voce sono la cupidigia e l'avarizia umana, l'angoscia e il rimorso che lacerano l'anima.
Shakespeare in questo suo dramma mette in contrapposizione l'umiltà con la voglia di strafare; ci insegna che davvero ''il troppo stroppia'', come si dice in Italia.
Il protagonista sopraffatto dall'ossessione e dalla pazzia è colui che da il nome all'intera opera: Macbeth. Macbeth è un valoroso e vittorioso cavaliere del re di Scozia che, per cercare di anticipare la sorte annunciatagli dalle 3 streghe, compie atti ingrati e poco fedeli non solo verso il suo povero Re, ma anche verso la sua patria.
Assecondato poi da una moglie apparentemente coraggiosa e forte, rimarrà bloccato in un limbo psichico che la porterà davanti un destino crudele e bastardo.
Come in ogni sua opera zio Will (come lo chiamavamo io e mia sorella), ti stupisce e ti zittisce in un colpo solo con la sua dote di scrivere il reale, il concreto.
Ogni aspetto è descritto, senza che nemmeno ce ne rendessimo conto, in modo stupefacente e realistico attraverso personaggi altrettanto vivi all'interno dell'opera e del mondo in cui è vissuto l'autore e in cui viviamo ora noi.
La bravura di Shakespeare in "Macbeth" è racchiusa in cinque, meravigliosi atti e palpabile tramite parole ed emozioni sentimentalmente accessibili a ogni essere umano la cui volontà di leggere e capirle è reale e non fallace ed effimera come il più delle volte.
Credo che questo sia l'autore che mi accompagnerà sempre e che apprezzerò di più, mentre la mia maturità interiore cresce.
Ho avuto bisogno di Shakespeare nel momento più brutto della mia vita e persino in quello più felice, come una sorte di amico con cui confidarmi, un'ancora con cui aggrapparmi, un'appoggio in caso perdessi l'equilibrio.
Continuerò a leggere, amare ed elogiare William Shakespeare finché morte non mi separi.. dai suoi romanzi!

5 commenti:

  1. Ho fatto un esame su Shakespeare, poco fa! da un lato è stato uno strazio xD
    Tra tutte le opere lette, senz'altro il Macbeth, insieme ad Amleto, è quello che ho preferito... adoro le storie di ordinaria (si fa per dire) follia *.*

    Bellissima questa frase che hai scritto :D
    Mi fa capire, fino in fondo l'animo umano e i suoi nulle difetti che lo compongono e lo delineano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 'nulle'? Wtf, io avevo scritto 'mille' omfg
      Comunque grazie Ale e concordo su Amleto, è bello anche quello! :)

      Elimina
  2. Bella recensione!
    Anche a me piace moltissimo Shakespeare!!
    Per ora di suo ho letto solo "Romeo e Giulietta" e "Sogno di una notte di mezza estate"...devo recuperare "Macbeth"!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Clody e grazie mille, come al solito gentilissima:)
      Hai letto due romanzi ritenuti i più famosi e conosciuti di Shakespeare, ma che secondo me sono anche i suoi più romantici. E te lo dice una che di Shakespeare ha letto anche la lista della spesa LOL :3
      Comunque ti consiglio di recuperarli tutti, se puoi. Non è di certo un male, anzi..!

      Elimina
  3. Macbeth è un capolavoro!
    Bellissima recensione!! ^^

    Serena :)

    RispondiElimina

Mi fa piacere leggere i vostri pensieri, let the freedom free!