ottobre 30, 2012

Recensione: Muses

Buonasera lettori! 
Sono tre giorni che scrivo periodicamente come una volta e la cosa mi piace e parecchio pure. Dopo tanto tempo torno con furore sul blog con una recensione molto positiva di un romanzo che avevo intenzione di richiedere ma che non lo avevo ancora fatto.. in poche parole mi è arrivato per sbaglio perché mi hanno confusa con Veronica di Wonderful Wonder World (blog che vi consiglio di visitare, me gusta!) 
Il romanzo di cui parlo è.. 


Autore: Francesco Falconi 

Titolo: Muses 

Editore: Mondadori 

Pubblicazione: 2012, Maggio 15

Serie: MUSES #1 

Readership: Young Adult 

Genere: urban fantasy 

Rating: ★★★★


Quando scappa da Roma  diretta a Londra, coperta di tatuaggi e piercing, Alice sente che la sua vita potrebbe cambiare per sempre. Ha appena scoperto di essere stata adottata, ma per lei questa  notizia è quasi un sollievo. Cresciuta con un padre violento e una madre incapace di esprimere il proprio affetto, ora Alice deve scoprire le sue radici e l’eredità che le ha lasciato la sua vera famiglia.
Decisa, risoluta, ribelle, è una violinista esperta ed è dotata di una voce straordinaria. Ed è proprio questa voce a guidarla verso la verità: le antiche nove Muse, le dee ispiratrici degli esseri umani, non si sono mai estinte.
Camminano ancora tra noi. I loro poteri si sono evoluti. E Alice è una di loro.
La più potente. La più indifesa. La più desiderata da chi vorrebbe sfruttarne gli sconfinati poteri per guidare gli uomini, forzarli se necessario, fino alle conseguenze più estreme.
Ma un dono così può scatenare l’inferno.
E sta per accadere.
Recensione
perdonate, al solito, i mille errori

Leggendo parecchie recensioni positive e sentendone parlare molto bene da amici italiani mi ero incuriosita e al tempo stesso mi ero fatta un'impressione alquanto positiva di Muses, un urban fantasy strettamente collegato alla mitologia greca.. nello specifico, alle Nove Muse. 
Le mie aspettative, come potete ben alludere, erano molto alte - per non dire sopra il normale - e speravo di trovare, leggendo questo romanzo, qualcosa che mi deliziasse e mi mettesse carica allo stesso tempo proprio come l'autore Francesco Falconi prometteva sin dall'inizio. 
Non volevo assolutamente rischiare di cadere col naso in un libro appartenente all'ambito banale-noioso e fortunatamente così non è stato. Ovviamente all'interno di Muses c'è stato quel qualcosa che mi ha infastidito, ma complessivamente sono stati casi sporadici e irrilevanti poiché va considerato come un romanzo che ti prende e ti immerge nel suo mondo tanto reale quanto fantastico. 
La colonna portante del romanzo è Alice De Angelis una ventenne che vive a Roma dal carattere difficile e con mille segreti e paure che l'accompagnano nella storia irrequieta e per niente felice della sua vita. 
Alice ci farà conoscere le parti più oscure e tragiche della sua mente e del suo, grande e bisognoso d'affetto, cuore. Ci racconterà, in prima persona e in tempo reale, come una serie di coincidenze possono creare un evento che cambia la vita o meglio che la rivela per com'è realmente: cruda e drammatica. 
Francesco Falconi colpisce al primo colpo non solo per la sua capacità di narrare ma per la sua bravura nel trattare argomenti così delicati - quali violenze familiari, alcool e droga - in un modo così reale e prepotente che commuove e scossa qualsiasi persona con, almeno, un briciolo di emozioni. 
Un clima carico di tensione e amarezza non aiuta certo una ragazza circondata da persone poco affidabili e pericolose piena di rancore, dolore ed odio. Le scelte che ha dovuto affrontare sono state troppo dure per lei che l'hanno portata a fare errori colossali che a volte le sono costati la vita. 
L'unica cosa in cui Alice ripone fiducia, con cui si sente se stessa è il suo violino che l'aiuta a fuggire dal suo mondo sbagliato, dalla sua tristezza e dall'assillante voce dell'Angelo Oscuro che l'assilla e la persuade a compiere gesti orribili.
Tutto viene messo in gioco e alcune carte vengono scoperte quando verrà a conoscenza, dopo un tragico incidente, di essere stata adottata. La voglia di conoscere se stessa nel mondo più profondo e biologico si farà sempre più forte e intraprenderà un viaggio che le cambierà completamente la vita, spiazzandola e rendendola più vulnerabile del solito. 
A Londra non si aspetta certo di sapere di appartenere ad una famiglia aristocratica che ha legato le proprie radici a quelle dell'antica Grecia e alle sue legende. Alice non sa di essere una delle Nove Muse e di possedere un enorme dono che va oltre la pura e semplice passione.
Sarà protagonista di avvenimenti adrenalinici e colpi di scena che sommati al suo carattere energetico e impulsivo creeranno caos e confusione nella sua mente che la porterà ad una ricerca continua e alla distinzione tra bene e male. La fiducia, ora come non mai, sarà una cosa parecchio ardua da donare al primo che capita. 
Delusioni e fraintendimenti saranno due caratteri predominanti. 
La verità sarà un po' difficile da dirigere per la nostra Alice ma ai nostri occhi, per quanto affascinante e dettagliata, sarà impossibile da non ammirare e rimanerne affascinati. 
Le Muse sono divinità affascinanti e dotate di una predisposizione per l'arte ineguagliabile, da sempre esistite ed ognuna con un potere diverso ma non meno accurato e moderno. 
Personalmente ero rimasta ammaliata dalle Muse descritte dai grandi scrittori d'un tempo ma quelle di Francesco Falconi sono protagoniste di storie più incatenate e coinvolgenti fatte di amori proibiti, tradimenti, false amicizie e maledizioni indistruttibili. Provviste di un potere artistico bello quanto pericoloso, sono diffuse in tutto il mondo e nascoste dall'umanità intera che non sa nulla dei conflitti e delle guerre che si svolgono ogni giorno tra di loro e tra chi vorrebbe fargli del male, distruggendole per sempre. 
Immersa in questa società londinese avvincente e magnifica, Alice, sarà come scissa tra due divisioni con interessi diversi e imparerà a scavare nelle profondità del suo animo e del suo immenso cuore. 
Imparerà ad amare e verrà amata come ha sempre desiderato ma forse non c'è tempo per pensare e soffrire per l'amore quando c'è in ballo il destino delle Nove Muse.
Come ho detto all'inizio della recensione, Francesco Falconi, è stato capace di scrivere un romanzo ricco e completo. I colpi di scena sono tanti e non sanno mai di l'ho-già-sentito, le emozioni sono presenti e struggenti, i personaggi sono complessi e in repentino miglioramento con delle caratteristiche del tutto semplici, forti e maturi. Il finale ti strappa il cuore, ti riga il viso di lacrime salate ed amare e ti fa sperare un seguito imminente. 
Mi sono sentita interamente Alice mentre leggevo Muses e sentivo sulla mia pelle le sue preoccupazioni, i suoi dolori e la sua crescita è stata forte ed incantevole. E' difficile - quasi impossibile - non affezionarsi alla protagonista, ai personaggi che la circondano e all'ambiente in cui vive (la villa Evans è qualcosa di straordinario). 
Un fantasy italiano fatto stra bene che tratta argomenti strong in modo leggiadro e sublime da parte del bravissimo autore. 
La sua penna è fluida, fresca e ti trasporta all'interno della storia, all'interno di Londra (che mi manca da morire) e all'interno della protagonista.
Ha creato un romanzo apprezzabile in tutti i punti che non pecca né d'ironia né di momenti di suspense. Né di un'amore travolgente né di una delusione spiazzante. 
Le cose che mi hanno infastidito sono ben poche - come i cliché e la continua fissazione di Alice nel parlar di sé in terza persona - ma trovo impossibile non notare la bellezza del romanzo, la trama accattivante e la forza degli argomenti trattati.

4 commenti:

  1. Ne ho sentito tanto parlare, però non gli ho mai dato una possibilità... non so mi pare così strana come trama :/
    Però ne parli bene... boh prima o poi lo leggerò XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda Deni, sinceramente nemmeno a me aveva scaturito quel solito interesse e ne avevo sentito parlare solo su Facebook, avendo come amico l'autore.
      Mi è stato inviato per sbaglio, ma è stata una lettura leggera e molto carina! Un po' diversa dal solito:)

      Elimina
  2. E' sulla mia libreria da un sacco di tempo e non mi decido a cominciarlo, la tua recensione mi ha dato una "spinta", bellissima :)
    Ti lascio il mio blog, passa se ti va http://smell-ofbooks.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti ringrazio Gingerhead, sei gentilissima e passo volentieri dal tuo blog. intanto sei la benvenuta sul mio :)

      Elimina

Mi fa piacere leggere i vostri pensieri, let the freedom free!