settembre 28, 2012

Recensione: Cinder. Cronache Lunari

Buondì a me e buona sera a voi! 
Con un giorno di distanza On the Read oggi ospiterà un'altra recensione di un romanzo praticamente l'opposto di Matched - La scelta. 
Più accattivante, più intrigante e molto meno scontato e noioso, Cinder. Cronache Lunari di Marissa Meyer ha conquistato il mio cuore pagina per pagina, in modo lento ma d'effetto. 


Autore: Marissa Meyer 

Titolo: Cinder. Cronache Lunari 

Editore: Mondadori 

Pubblicazione: 2012, Marzo 13

Serie: LUNAR CHRONICLES #1

Readership: Young Adult

Genere: distopico, sci-fi, fantasy, romance

Rating: ★★★★


Cinder è abituata alle occhiate sprezzanti che la sua matrigna e la gente riservano ai cyborg come lei, e non importa quanto sia brava come meccanico al mercato settimanale di Nuova Pechino o quanto cerchi di adeguarsi alle regole. Proprio per questo lo sguardo attento del Principe Kai, il primo sguardo gentile e senza accuse, la getta nello sconcerto. Può un cyborg innamorarsi di un principe? E se Kai sapesse cosa Cinder è veramente, le dedicherebbe ancora tante attenzioni? Il destino dei due si intreccerà fin troppo presto con i piani della splendida e malvagia Regina della Luna, in una corsa per salvare il mondo dall’orribile epidemia che lo devasta. Cinder, Cenerentola del futuro, sarà combattuta tra il desiderio per una storia impossibile e la necessità di conquistare una vita migliore. Fino a un’inevitabile quanto dolorosa resa dei con- ti con il proprio oscuro passato. 
Recensione

Cinder. Cronache lunari mi ha colpita, stregata ed entusiasmata. Nonostante avessi a prescindere un rapporto d'amore/odio con questo romanzo mi sono dovuta ricredere perché mi ha conquistata fin nel profondo lasciandomi quella curiosità solita di un libro accattivante.
Sono sempre rimasta parecchio delusa dai romanzi che s'ispiravano alle fiabe tradizionali - in questo caso Cenerentola - che i nostri genitori ci leggevano con tanto amore ma è stato tutto diverso da come si potrebbe presentare.
Cinder, è ironico, singolare e con mille segreti tutti da scoprire!
La Meyer ci ha introdotti, fin dal primo capitolo, in un'ambiente interessante e non particolarmente desiderabile. 
Siamo in un futuro lontano e molto diverso, sotto parecchi punti, da quello in cui viviamo ora. A Nuova Pechino, come in tutta la Terra, la tecnologia è avanzata.. le macchine sono state sostituite da quelle volanti chiamate "libranti", gli androidi sono i nuovo servi ed amici degli umani e i cyborg sono presenti in quantità e vivono una vita normale sebbene in continua frustrazione grazie al loro aspetto. 
Se pensate che questo possa essere già abbastanza e che non vorreste mai vivere in un mondo così, non avete ancora sentito il peggio: la situazione è peggiore di come puo' apparentemente sembrare. 
Una malattia, la più temuta e mortale di tutte, aleggia nell'area: la Letumosi, molto simile alla peste per carattere e natura. Portata dai Lunari - popolo alieno ed ulteriore minaccia - anni fa, impaurisce ed affligge la popolazione che di paura e sofferenza ne sente già troppa.
La protagonista indiscussa di quest'originale ambientazione è Linh Cinder, un'umana per metà cyborg, con un passato sconosciuto dai tratti nebulosi. Meccanico di fiducia di tutta Nuova Pechino, Cinder, è una ragazza ammirevole e coraggiosa che con la sua ironia e forza ci accompagna e ci rende parte della sua strana e misteriosa storia. 
Come ho detto prima, i cyborg sono soggetti ad occhiate disprezzanti ed odiose e purtroppo la nostra protagonista non ne è immune seppur sia davvero talentuosa e molto più umana rispetto ai suoi concittadini. Le uniche due persone su cui lei può fare affidamento sono la sorellina Peony e la sua robot-amica Iko, entrambe adorabili e simpatiche a cui non si può fare a meno di prestare attenzione!
La politica contorta e in bilico, i momenti carichi di suspense e l'ambientazione orientale sono elementi che ci fanno apprezzare ancor di più il romanzo in questione che, alla storia di Cenerentola, si somiglia solo per alcune piccolezze essendo molto più intrigante ed appassionante. 
Uno dei tratti in comune con la celebre fiaba sono la terribile matrigna Adri, con cui ogni istante è tenuta a combattere cercando di non perdere il controllo di se stessa e di mandare a monte il suo sistema, e l'affascinante ed irresistibile principe, con cui ha a che fare, con cui flirta, con cui si scambia occhiate cariche d'intesa. 
La storia d'amore tra la nostra tenace Cinder e il Principe Kai del Commonwealth Orientale sboccia come un nuovo fiore ed non è destinato affatto ad essere effimero. Il Principe, sogno di ogni adolescente e non, sarà l'unico in grado di degnare Cinder di sguardi naturali e pieni d'amore, diversamente da ogni persona. Le farà capire, senza nemmeno parlare, quant'è splendida nella sua semplicità e quanto può essere bello sentirsi amati ed accolti e quant'è speciale e particolare sentirsi mancare il respiro e il cuore quando qualcuno come Kai le è accanto. 
La sua vita verrà capovoltata da una serie di avvenimenti che le faranno cogliere la vera essenza di ciò che la circonda e ciò che realmente lei è. 
Mentre il suo Principe combatte tra una Regina Lunare intenta a diventare imperatrice e a sconvolgere tutti i suoi piani, lei si dividerà tra avvenimenti che le faranno perdere la ragione e il senso di ciò che la circonda diventando confusa e titubante su ogni cosa. 
Verrà a conoscenza di particolari inquietanti e sconvolgenti della sua vita, saprà finalmente la sua vera natura e conoscerà il suo passato.

Tutto è al punto giusto ma una sola cosa non mi è ancora chiara: perché c'ho messo così tanto a leggere Cinder? 
Probabilmente la colpa è mia e del periodo super caotico che sto passando e credo che non riuscirò mai a capire a fondo qual è stato il problema. 
Una volta preso non riuscivo a staccarmene ma una volta lasciato era difficile per me dire 'ok, lo riprendo perché ho bisogno di scoprire cosa succede'. No, non ho mai detto questa frase durante il periodo di lettura del libro. Tanto che, come avete forse notato, ho letto altri tre libri che vanno recensiti. 
Questo mio blocco, problema o chiamatelo come vi pare farà perdere al tomo in questione mezzo voto da quello da me prestabilito.
Comunque.. non posso certo non affermare quanto Cinder. Cronache lunari mi sia piaciuto, quanto lo abbia apprezzato e quanto l'autrice sia stata brava ed ingegnosa nel creare una storia dalle sfumature fresche, coinvolgenti e sensazionali. 
L'ambientazione futuristica ed orientale molto ben articolata, i personaggi dettagliati e le descrizioni non troppo sfarzose le ho potute apprezzare solo grazie al talento innato della Meyer. Grazie al suo stile maturo, alla sua penna sicura, per niente incerta e al suo desiderio di farci innamorare della sua storia.
I cyborg, come personaggi, mi avevano da sempre incuriosita ed avevo voglia di conoscerli più a fondo. Le mie volontà sono state saziate con successo in questo romanzo.. brilliant, awesome, amazing.. (gli aggettivi inglesi rendono di più!)
Lo consiglio da morire a chiunque perché v'assicuro che NON sarà assolutamente la solita rivisitazione. E' molto di più e sta a voi vedere cosa lo differenzia!
* P.S. La Mondadori avrebbe potuto lasciare la cover originale per questo romanzo. E' così adatta e incantevole che ogni lettore si sarebbe soffermato a guardarlo, a leggerne la trama e di conseguenza ad acquistarlo. O almeno.. io l'avrei fatto senza nemmeno pensarci: questa cover m'ispira moltissimo. 

12 commenti:

  1. Splendida recensione :D Ce l'ho in libreria e non vedo letteralmente l'ora di leggerlo!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Te lo consiglio vivamente e con tutto il cuore! :)

      Elimina
  2. Bellissima recensione Ronnie! Son contenta ti sia piaciuto così tanto, anche io l'ho trovato fantastico e dopo aver letto la tua recensione mi vien voglia di ritornare nel mondo di Cinder!!:(

    Per quanto riguarda le cover, mi piacciono entrambe... però la scarpetta è la scarpetta...:)
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Franci, io penso che la cover originale sia molto meglio di quella italiana..

      Elimina
  3. Concordo sulla cover! Magari lo leggerò in futuro! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prossimamente vorrai dire! Te lo consiglio:)

      Elimina
  4. prima o poi lo leggerò anche io :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Torna a dirmi cosa ne pensi però,ci conto!

      Elimina
  5. Bella recensione, Ronnie :)
    Direi che ti è piaciuto più che a me :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, credo mi sia piaciuto solo leggermente di più di te

      Elimina
  6. Anche a me è piaciuto molto!
    Ma sempre questi finali tristi :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non vedo l'ora di leggere il sequel, fremo dalla vogliaaa (:

      Elimina

Mi fa piacere leggere i vostri pensieri, let the freedom free!