luglio 06, 2012

Recensione: Tempest

Ciao amici, 
a distanza di un giorno sul blog ritorna un nuova recensione, questa volta - dopo Chi è Mara Dyer (qui la recensione) - frizzante e positiva. Il libro che sarà al centro dei riflettori oggi è Tempest di Julie Cross uscito a novembre del 2011.


Autore: Julie Cross

Titolo: Tempest

Editore: Fanucci

Pubblicazione: 2011, Novembre 3

Serie: TEMPEST #1

Readership: Young Adult

Genere: fantascientifico

Rating: ★★★★ ½


Mahnattan, 2009. Il diciannovenne Jackson Meyer è dotato della facoltà di viaggiare nel tempo. Una mattina, due uomini fanno irruzione nella camera della sua fidanzata Holly e le sparano; Jackson assiste impotente alla scena e, in preda al panico, salta nel tempo, ma si ritrova bloccato nel 2007, senza più riuscire a tornare nel presente. Così decide di rivivere il passato per cambiarlo, in modo che Holly non sia più in pericolo. Tornando ancora più indietro negli anni, Jackson scopre importanti segreti su di sé e la sua famiglia: le persone che ritiene più vicine sono in realtà pericolosamente diverse da quello che sembrano... Ma non è tutto: Jackson effettua due viaggi in un futuro non meglio precisato, in cui una misteriosa bambina di nome Emily gli mostra una New York totalmente devastata, mentre Mahnattan sembra galleggiare in una dimensione surreale e perfetta. Jackson sarà costretto a prendere decisioni sconvolgenti che potranno compromettere per sempre la sua vita e quella di chi ama profondamente...


Recensione

Mentre trascrivevo la trama del libro, vi giuro, avevo la pelle d'oca proprio come quando leggevo il romanzo. E' uno di quei tomi frizzanti e energici, anche se pieni di tristezza. 
Jackson è un diciannovenne che vive a Manhattan, uno dei quartieri più belli e lussureggianti di New York. Ha una ragazza di nome Holly e tanti amici, tra cui Adam, un genio. 
Jackson non è un ragazzo normale come può ben sembrare bensì ha un potere: quello di viaggiare nel tempo. I viaggi che lui effettua di solito sono brevi e non influiscono in nessun modo. Un giorno però quando Jackson, sconvolto dalla morte della sua fidanzata e pieno di rabbia nei confronti di quei due uomini che l'hanno sparata, compie un viaggio completo. Sì perché c'è una differenza. I viaggi che di solito compiva lui erano viaggi insignificanti, lui poteva muoversi da una parte all'altra del tempo rimanendo però sempre sulla sua linea temporale, il 2009. I viaggi completi invece permettono all'individuo di cambiare la sua linea temporale, per sempre. 
Così il nostro protagonista rimane bloccato due anni addietro, nel 2007, quando ancora Holly era un'estranea per lui, così come Adam. 
Purtroppo però Adam era un amico fondamentale non solo per l'affetto che provava per lui ma anche perché conosceva il suo piccolo segreto e lo aiutava, facendogli scrivere tutti i suoi viaggi su un diario di bordo. 
Jackson allora tenterà di ripristinare le amicizie perdute e verrà a conoscenza, piano a piano, con alcuni terribili segreti che si nascondono nella sua famiglia. Vivrà anche delle situazioni che lo faranno riflettere molto, come gli incontri con sua sorella, morta di cancro, Courtney e con Emily, una ragazzina che le mostrerà un mondo a lui sconosciuto.

La Cross è stata geniale, essendo il suo romanzo d'esordio, a crearne uno del genere. Un libro che brilla d'originalità, che non annoia. Dove tutto è al posto giusto, al suo posto. 
Lo stile dell'autrice è travolgente e pronto a farti piangere, ridere e morire di suspense. 
Le sue descrizioni sono ricche e ben accurate, ma mai troppo sfarzose. 
I personaggi sono tutti ben delineati, soggetti a mille modifiche nel corso della scrittura del romanzo, ma ora perfetti.. specialmente Jackson. 
E' un ragazzo semplice all'inizio, forse perché ancora non lo conosciamo nel profondo o forse perché nel corso del romanzo assume un cambiamento interiore. Jackson diventa più maturo e pronto ad affrontare i problemi rispetto a molti mesi e anni prima. Questo lo si può benissimo vedere quando, ritornando indietro nel tempo, va a trovare la sorella gemella Courtuney che sta morendo all'ospedale e assiste alla sua morte, lenta e dolorosa. Un momento straziante che mi ha fatto scorrere una miriade di lacrime sulle guance ma anche uno di quei momenti che ti fanno riflettere, che ti aprono gli occhi. Il Jackson delle prime pagine non avrebbe mai assisto alla morte della sorella, per lui sarebbe stato troppo affrontare la vita così da vicino e invece il Jackson della fine delle pagine lo ha fatto. Si è fatto coraggio e ha affrontato la morte della sua cara sorella con forza. 
Jackson ha dovuto anche rimuginare sul suo rapporto con il padre. Un momento carico di emozioni anche questo, seppure diverso.
Le emozioni che pulsano in questo romanzo e specialmente nel cuore di Jackson sono molte e di tutte le sfaccettature. 
Il mio giudizio può essere stato influenzato dagli incontri tra Jackson e Courtney. 
Tempest è stato più di un semplice romanzo per me. Mi ha fatto riflettere su moltissime cose. 

6 commenti:

  1. Bella recensione, Ronnie. Molto sentita. Brava! :)
    Ce l'ho e penso di leggerlo molto presto, mi hai incuriosito molto, e ho pure voglia di commuovermi.
    Però... sto iniziando troppe saghe ultimamente, mannaggia :/ :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, Matt :)
      A chi lo dici riguardo l'inizio di tante saghe ! Haha

      Elimina
  2. Ho appena finito di leggerlo e lo consiglio a tutti! Approvo pienamente il tuo giudizio perchè lo stile della Cross mi è piaciuto moltissimo. Sarà il mio libro preferito! MERAVIGLIOSO!

    RispondiElimina
  3. Ma che bella recensione, Ronnie :D
    Io ho questo libro che aspetta nella mia libreria di essere letto già da un po', ma non ho ancora avuto tempo!
    Comunque mi hai messo ancora più voglia di prima (:

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Denise, ne sono contenta! quando lo leggerai fammi sapere cosa ne penserai eh ;)

      Elimina

Mi fa piacere leggere i vostri pensieri, let the freedom free!