luglio 18, 2012

Recensione: Shades. Jack lo Squartatore è tornato

Buon pomeriggio amici, 
scusate la continua assenza ma, come vi ho detto nel post riguardante la rubrica Lovers of Cover (qui), sono in Scozia e non ho molto tempo a disposizione per accendere il computer. 
Oggi volevo proporvi la recensione di un romanzo che è stato molto criticato e poco elogiato dai lettori italiani in primis. 

Autore: Maureen Johnson

Titolo: Shades. Jack lo Squartatore è tornato

Editore: Mondadori

Pubblicazione: 2012, Giugno 26

Serie: SHADES OF LONDON #1

Readership: Young Adult

Genere: thriller, paranormal

Rating: ★★★ ½


Rory è appena arrivata a Londra dall'America per cominciare una nuova vita in una nuova scuola. Ma proprio il giorno del suo arrivo, un brutale omicidio sconvolge la città, tanto più spaventoso perché riconosciuto come l'imitazione del primo assassinio di Jack lo Squartatore, il serial killer che nel 1888 conquistò con la sua efferatezza le cronache di tutto il mondo. La polizia è senza indizi e senza testimoni, ma ancora per poco: proprio Rory ha notato un uomo misterioso sul luogo del secondo, feroce delitto. Ma come è possibile che la sua amica, che era a fianco a lei, non abbia visto nulla?


Recensione


Siamo intrappolati in uno spazio temporale tra il 2012 e il 1888, in cui Jack the Ripper - in italiano Jack lo Squartatore - sta entrando in scena. 

Rory Deveaux è una ragazza come tutte le altre, appena trasferitasi in Inghilterra per seguire il sogno inglese, in un colleggio privato a Wexford. La sua vita potrebbe trascorrere tranquillamente tra una lezione di matematica avanzata e una lezione di francese, ma non è affatto così. Il giorno in cui Rory è arrivata nel Regno Unito un uomo ha posto fine alla vita di una giovane donna, operando allo stesso modo del famoso - e temuto - Jack lo Squartatore. 
Mentre il tempo scorre per Rory, altre vite si fermano gli stessi giorni in cui quasi cent'anni fa si fermavano le vite di molte prostitute londinesi innocenti. 
Londra è nel panico più assoluto e la tv non parla d'altro. Pare che l'uomo che si spaccia per lo Squartatore sia invisibile, non compare nel video che la telecamera di sorveglianza ha registrato mentre lui agiva. 
E' introvabile, la polizia non riesce a vederlo e i testimoni non sono di grande aiuto, tutti tranne Rory. Il giorno del secondo assassinio, l'8 settembre lei ha visto una figura indistinta, un po' troppo strana per non essere notata ma pare che la sua amica e compagna di stanza Jazza, che era proprio accanto a lei, non l'abbia vista. Rory crede che sia stato solo un caso che Jazza non abbia visto quell'uomo tanto raccapricciante, da far venire i brividi. Non le salterebbe mai per la testa di pensare di aver visto un fantasma, anche se è quello che le è successo. 
Sì, i fantasmi esistono e ci sono persone, dette le Ombre, pronte a sistemare la situazione in caso i fantasmi diano fastidio o siano un pericolo per l'umanità. E si da il caso che Boo, la sua compagna di stanza - da poco arrivata a Wexford - sia una delle Ombre e sia pronta ad aiutarla. 

Questo romanzo aveva tutti i requisiti per diventare un romanzo fantastico, un thriller mozzafiato, ma a quanto pare la Johnson è riuscita a farlo, almeno per me. 
Com'è scritto sopra c'ho messo un secolo a leggere questo tomo, pur non essendo nè troppo lungo e nè troppo pesante, come argomenti trattati. Il problema era la lentezza. 
Tutto nel romanzo si svolge troppo lentamente, anche i colpi di scena che dovrebbero metterti tant'ansia addosso. Per me è stato davvero difficile finire questo libro ed ho fatto uno sforzo enorme a continuarlo, quando ero ai primi capitoli. 
Questa è l'unica pecca che ho trovato in tutta la narrazione. Per il resto, la Johnson scrive bene. Ovviamente non può avere una prosa perfetta perché questo è il suo romanzo d'esordio. Ma direi che non c'è male. 
I personaggi mi sono simpatici tutti, in particolar modo Callum. Tutto muscoli ma con un passato alle spalle che lo ha fatto diventare molto debole, inside. 
Rory era la mia protagonista preferita, per la sua audacia e il suo coraggio, ma per via della sua reazione alla decisione finale dei genitori non mi è piaciuta e la mia adorazione nei suoi confronti è sminuita di parecchio. 

12 commenti:

  1. Sinceramente mi aspettavo che ne rimanessi più entusiasta, Ronnie :D Però, in fondo, ti è piaciucchiato, e l'importante è quello :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, se non fosse stato per la lentezza gli avrei dato un 4 o un 4.5, ma purtroppo.. :)
      Ora vado a leggere la tua recensione al riguardo!

      Elimina
  2. Io ce l'ho in inglese. Ce la devo fare a leggerlo!!! :) ps: l'ho preso alla Waterstone's di Trafalgar. Esiste, vero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Leggilo in inglese, è molto diverso dal leggerlo in italiano. È più bello, logicamente!
      Oh sì ch'esiste Waterstone's, adoro quella libreria. È la mia preferita :)

      Elimina
    2. Per te, però! La mia lettura inglese perde tutto il mordente. Per ora. Ma quella libreria ha solo tre piani e abbastanza piccoli. A me è piaciuta di più quella di Piccadilly! :)

      Elimina
    3. Sì, è più bella quella di Piccadilly ma sono particolarmente legata a quella di Trafalgar Square, non so perché. Anche se è piccola, è bella ugualmente :)

      Elimina
  3. Beh dai ti è piaciuto abbastanza! Io anche devo leggerlo prima o poi (:

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti consiglio più prima che poi, è carino davvero se non fosse per la lentezza della narrazione sarebbe un bellissimo romanzo. Purtroppo io ho sentito molto quel difetto.. :)

      Elimina
  4. Ce l'ho in wishlist, spero di poterlo leggere presto... anche se devo ammettere che ultimamente sto leggendo una caterva di recensioni non troppo positive, e la cosa non è che mi entusiasma :( uff!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dovresti leggerlo, ti potrebbe piacere di più di Chi è Mara Dyer, secondo me.. :)

      Elimina
  5. Ho letto questo libro..
    Ed ho trovato lo stesso difetto.. ma non si può negare..la storia trattata è meravigliosa e interessante..

    RispondiElimina

Mi fa piacere leggere i vostri pensieri, let the freedom free!